Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa nazionale » La dignità della scuola è la benzina del Paese

La dignità della scuola è la benzina del Paese

Giorgio Israel

31/12/2012
Decrease text size Increase text size


L’ISTRUZIONE
Ogni parte politica ripete che l’istruzione è la chiave far ripartire il Paese, promette di rilanciare la ricerca scientifica e riqualificare l’università, di restituire dignità alla funzione insegnante. Siamo tutti d’accordo, ma i buoni propositi non bastano.
È vana retorica chiedere l’eliminazione di sprechi e inefficienze mentre si scialacqua con le «pillole del sapere», con consulenze, con cattivi progetti di valutazione. È derisorio tagliare duramente mentre si propone di inondare di tablet scuole in cui manca la carta igienica. Parlare di rilancio dell’istruzione e della ricerca mentre si taglia soltanto non ha senso, soprattutto in un paese come l’Italia, la cui principale risorsa è la cultura. Continueremo a tagliare? Basta un confronto oggi tra un campus universitario italiano e uno sudafricano per capire cosa ci attende: il quinto mondo. Speriamo che qualcuno non coltivi l’idea sciagurata che l’università italiana è condannata e che tanto vale farla deperire, salvando qualche punta d’eccellenza in attesa che nasca un sistema privato. Nel frattempo saremo finiti nel quinto mondo.
IL MALE DA CURARE
Cosa possiamo sperare da un futuro che si presenta buio? Che si combatta il male che strangola il sistema italiano dell’istruzione: il dirigismo. Per esempio, quello che ha condotto a introdurre – eccezione mondiale – la valutazione universitaria con la bibliometria di stato. È un dirigismo paradossale, perché non è solo statale, o basato sul connubio tra dirigenza ministeriale e sindacati: di esso si avvale il mondo che più dovrebbe avere una visione liberale, quello imprenditoriale. In nessun Paese l’imprenditoria manifesta un interesse tanto spasmodico a dirigere l’istruzione e la ricerca proponendo ricette che non vanno oltre la dipendenza funzionale dal mondo dell’impresa.
RESTITUIRE DIGNITÀ
Ma in un Paese avanzato la scuola, l’università e la ricerca sono molto di più che sedi di formazione di quadri aziendali. Einstein ammonì che la scienza applicata non esiste: esistono solo le applicazioni della scienza. E una nazione che non sviluppa la scienza di base è destinata ad andare a rimorchio di quelle che hanno una ricerca scientifica propriamente detta.
Restituire dignità alla funzione insegnante? È una parola vuota se gli insegnanti saranno sempre più ridotti a esecutori di precetti imposti dall’alto, togliendo loro ogni autonomia metodologica; e se la valutazione verrà intesa come una procedura gestita da «tecnici» al di sopra di ogni controllo, anziché come un processo culturale interno all’istituzione.
Questi sono i mali da evitare perché i buoni propositi non si riducano a retorica elettorale.