Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa nazionale » Liceo sportivo? Un altro liceo piccolo, piccolo

Liceo sportivo? Un altro liceo piccolo, piccolo

Se ci troviamo di fronte ad un altra bolla mediatica, come avvenuto per i Licei Musicali, è presto per dirlo ma i presupposti ci sono già tutti.

09/11/2011
Decrease text size Increase text size
ScuolaOggi

di Pippo Frisone

 

L'atto di nascita è tra le pieghe dell'art.3, comma 2 del Dpr n.89/10, il Regolamento dei Licei voluti dalla Gelmini.

Se ci troviamo di fronte ad un altra bolla mediatica, come avvenuto per i Licei Musicali, è presto per dirlo ma i presupposti ci sono già tutti.

Scarsa trasparenza nei lavori preparatori, nella composizione del gruppo di esperti, nel coinvolgimento delle scuole,negli organici all'osso...

Un film già visto che ricalca con coerenza anche in questo caso il metodo Gelmini.

Di quanto sperimentato in modo diffuso dalle scuole come indirizzo sportivo c'è poco e niente..

Eppure in questi ultimi anni qua e là in giro per la penisola c'erano state, grazie all'autonomia, sperimentazioni dell'indirizzo sportivo, incardinati per lo più nel sistema dei licei : dal liceo Pacinotti a Roma,  al liceo Martinelli in provincia di Torino, all'Istituto E.Conti di Milano, all'Istituto Pesenti di Pisa, all'Istituto Vaccarini di Catania, solo per citarne alcuni.

In queste sperimentazioni si spaziava dal Nuoto alla Scherma, dalTiro con l'arco nel primo biennio al Basket,dalla Pallavolo all'Atletica Leggera per lo più nel triennio.

Ma anche Canottaggio,Pallanuoto,Tuffi, Sci...a secondo della fruibilità degli impianti sportivi messi a disposizione, in convenzioni col CONI o con  altri enti più o meno sportivi.

Ma l'autonomia aveva il forte limite delle condizioni ministeriali: che non creasse soprannumerari all'interno dello stesso istituto e che non ci fosse esubero a livello provinciale nelle discipline coinvolte. Il tutto nel limite del 20% delle compensazioni disciplinari.

Un vantaggio soprattutto ricondotto alla sola educazione fisica che da 2 h settimanali veniva incrementata di solito di 2 o 4 ore.

Il liceo sportivo della Gelmini , invece, si articolerebbe in 27h settimanali nel biennio che passerebbero a 30h nel triennio. Privato del Latino, di Geografia e Storia dell'Arte,con una sola ora di Filosofia nel triennio,il liceo sportivo appare notevolmente impoverito nell'asse culturale umanistico, tipico dei licei, ad esclusivo vantaggio delle scienze motorie e sportive ( 3h ) ,delle discipline sportive (3h) e con una marcata presenza del Diritto ed Economia dello sport (3h).

Si partirebbe, se tutto va in porto nei tempi previsti, col prossimo anno scolastico 2012/13.

Una sezione di liceo sportivo in ogni provincia e non più di 100 in tutta Italia.

Serviranno impianti ginnico-sportivi collaudati, convenzioni a costo zero col Coni e col Cip, con le università, con le direzioni regionali e con gli enti locali..E ancora, occorrerà creare organismi che attestino e certifichino la bontà, la sicurezza e l'adeguatezza degli impianti prima,durante e dopo, tanto nelle scuole statali che in quelle paritarie che sembrano aver già fiutato l'affare.

Personalmente non sono contrario in linea di principio al liceo sportivo...come non lo sono ai licei musicali.

Avrei preferito però  che prima si fossero create le condizioni d'una cultura e d'una pratica sportiva e musicale diffusa nelle scuole, a partire da quelle dell'obbligo, con curricoli rinforzati.

Invece la Gelmini ha fatto la scelta opposta, facendo sparire quel poco di educazione musicale che c'era nei licei, concentrando  nelle riserve indiane dei licei musicali la Musica e dei licei sportivi le Scienze motorie e sportive .

Una scelta miope che, a lungo andare, è destinata a inaridirsi e a non dare i frutti sperati.


FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI