Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Rassegna stampa » Nazionale » Secolo XiX-La protesta Scuola, studenti in piazza contro la riforma Moratti

Secolo XiX-La protesta Scuola, studenti in piazza contro la riforma Moratti

La protesta Scuola, studenti in piazza contro la riforma Moratti MilanoMigliaia di studenti delle scuole medie superiori sono scesi in piazza ieri in molte città italiane per contestare...

13/10/2005
Decrease text size Increase text size
Il Secolo XIX

La protesta Scuola, studenti in piazza contro la riforma Moratti

MilanoMigliaia di studenti delle scuole medie superiori sono scesi in piazza ieri in molte città italiane per contestare la proposta di riforma del sistema scolastico del ministro dell'istruzione Letizia Moratti.
La mobilitazione nazionale, promossa dalla Sinistra Giovanile insieme a Unione degli studenti e Rete Studenti Sempre Ribelli, secondo gli organizzatori avrebbe coinvolto 250 mila studenti.
"La grande partecipazione dimostra non solo la grande vitalità del movimento studentesco, ma soprattutto la volontà degli studenti italiani di ribadire il proprio no all'impianto complessivo della riforma Moratti, rilanciando con particolare forza la necessità... di cancellare la canalizzazione precoce dei percorsi formativi", ha affermato Fausto Raciti, portavoce nazionale di Studenti di Sinistra.
Tra i punti più contestati della bozza di riforma della Moratti c'è, infatti, quello che prevede otto licei mentre la formazione professionale, affidata alle Regioni, verrebbe divisa in quattro anni obbligatori e uno facoltativo per chi volesse proseguire gli studi.
"La mobilitazione degli studenti medi rappresenta un fatto straordinario. Perché raccoglie il consenso di tante associazioni e perché oltre 250.000 studenti si sono ritrovati a protestare contro il Decreto Moratti sulla secondaria, per rivendicare le ragioni di un'altra scuola", ha commentato in una nota il segretario della Federazione lavoratori della conoscenza della Cgil Enrico Panini.
La delega del governo per attuare integralmente la riforma dell'ordinamento scolastico, in parte già entrata in vigore quest'anno, scadrà il prossimo 17 ottobre.
Intanto sul fronte della ricerca, il ministro Moratti, in occasione dell'annuale appuntamento di Business International, ha annunciato che nell'ambito delle azioni di promozione, figurano dodici "programmi strategici", per i quali è stato già stanziato un miliardo e 100 milioni di euro. I progetti rientrano nei tre ambiti della qualità della vita (salute, sicurezza, ambiente), della competitività del sistema produttivo, in particolare dei settori industriali a maggiore capacità di esportazione o ad alto contenuto tecnologico, e dello sviluppo sostenibile.