Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Personale ATA » Organico temporaneo PNRR: assegnazione delle risorse finanziarie alle scuole e attivazione contratti

Organico temporaneo PNRR: assegnazione delle risorse finanziarie alle scuole e attivazione contratti

A partire da oggi 16 ottobre e fino al 31 dicembre 2023, le scuole sono autorizzate ad attivare contratti di supporto agli interventi del PNRR. Le scuole riceveranno le risorse spettanti dagli USR e la FLC CGIL ne ha chiesto la stabilizzazione.

16/10/2023
Decrease text size Increase  text size

A seguito delle risultanze del monitoraggio eseguito nelle scuole (note MIM 24757 e 25090) per individuare una figura di Assistente amministrativo/tecnico e/o di Collaboratore scolastico da contrattualizzare in supporto agli interventi finanziati dal PNRR, il Ministero ha comunicato che è in via di emanazione il Decreto n. 195/2023 che ripartisce la risorsa finanziaria tra gli USR e dispone l’assegnazione spettante a ciascuna scuola. 

Di conseguenza, le istituzioni scolastiche sono autorizzate ad attivare, a decorrere dal 16 ottobre fino al termine del 31 dicembre 2023, l’incarico ad una figura ATA prescelta, attingendo dalle graduatorie di istituto (prima, seconda e terza fascia).

A tale proposito il sistema informativo della Cooperazione applicativa MIM/MEF è in fase di aggiornamento per recepire la gestione giuridica ed economica del contratto e, con una nota successiva, saranno inviate indicazioni operative per consentire alle scuole interessate l’inserimento a SIDI del contratto medesimo. Agli USR spetterà eseguire il monitoraggio delle spese effettuate (con il conteggio delle eventuali economie), in coerenza con le finalizzazioni disposte dalla norma.

E’ possibile richiedere assistenza al servizio Help Desk Amministrativo-Contabile – HDAC (“SIDI - Applicazioni SIDI - Gestione Finanziario Contabile - Help Desk Amministrativo Contabile”).

La FLC CGIL ha ribadito al Ministero la necessità di stabilizzare queste risorse, dal momento che non è pensabile che si possano interrompere i contratti a fine dicembre.