Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Dirigenti scolastici » Attestazione dell’assolvimento degli obblighi di pubblicazione da parte delle scuole: quel compito non spetta ai dirigenti scolastici

Attestazione dell’assolvimento degli obblighi di pubblicazione da parte delle scuole: quel compito non spetta ai dirigenti scolastici

Grazie alla nostra determinazione sono stati finalmente chiariti gli obblighi previsti dalle norme su trasparenza e anticorruzione ed è stata evitata alle scuole e ai dirigenti scolastici l’ennesima molestia burocratica.

19/06/2023
Decrease text size Increase  text size

A seguito dell’attribuzione ai revisori dei conti dell’attività di controllo sugli obblighi di pubblicazione delle  scuole presente nell’art. 1, comma 562, della legge 29 dicembre 2022, n. 197 (legge di Bilancio 2023), in una nota a firma del Capo Dipartimento per le risorse umane e finanziarie Jacopo Greco, nei giorni scorsi è stato trasmesso ai revisori dei conti e alle istituzioni scolastiche il Vademecum sulle modalità di svolgimento dell’attività di controllo.

Le indicazioni operative, condivise con il MEF, confermano le nostre precedenti valutazioni sulla nota che lo scorso 23 settembre l’ANAC aveva inviato a tutte le istituzioni scolastiche per sollecitare la compilazione e l’invio di una griglia di rilevazione relativa ai controlli sull’assolvimento degli obblighi di pubblicazione.

In quell’occasione la FLC CGIL aveva chiesto l’intervento del Ministero, ritenendo che non dovessero essere i dirigenti scolastici a compilare la rilevazione e a svolgere il compito di controllori dell’avvenuto adempimento dei loro stessi obblighi, come oggi il Vademecum conferma.

Il vademecum, oltre alle scadenze degli adempimenti connessi all’obbligo di pubblicazione da parte delle scuole e all’attività di controllo attribuita ai revisori, contiene una serie di tabelle riassuntive della documentazione che le scuole sono obbligate a pubblicare.

Di seguito un nostro approfondimento sul vademecum.
______________________________________________________________________________________________________________________________

L’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) lo scorso 23 settembre aveva inviato a tutte le istituzioni scolastiche una nota di contestazione indirizzata ai responsabili della prevenzione della corruzione e della Trasparenza (RPCT) nella quale si sollecitava l’invio della griglia di rilevazione relativa ai controlli sull’assolvimento degli obblighi di pubblicazione da parte delle scuole.

La FLC CGIL, in risposta alle numerose richieste di chiarimenti sugli effettivi adempimenti delle scuole, aveva invitato i dirigenti scolastici a chiedere indicazioni ai direttori generali dei rispettivi USR, individuati dalla legge quali RPCT, ritenendo che non dovessero essere i dirigenti scolastici a svolgere il compito di controllori dell’avvenuto adempimento dei loro stessi obblighi.

Con una successiva nota del 5 ottobre, l’ANAC aveva però confermato l’attribuzione ai dirigenti scolastici degli obblighi di predisposizione e trasmissione all’Autorità della griglia di controllo.

In ultimo, anche a seguito delle prese di posizione e delle richieste di intervento inviate dalla FLC CGIL al Ministero dell’Istruzione, di cui abbiamo dato notizia sul nostro sito, l’anomalia è stata risolta nella Legge di bilancio 2023 con l’attribuzione dell’attività di controllo ai revisori dei conti e l’incremento dei loro compensi per un totale di 4,2 milioni di euro a valere sul  Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche.

Nel vademecum, oltre ad un sintetico richiamo della normativa di riferimento e delle modalità di assolvimento dell’attestazione da parte dei revisori tramite l’utilizzo di un’apposita applicazione web presente sul sito dell’ANAC, sono presenti  una serie di tabelle esplicative della documentazione oggetto di pubblicazione da parte delle scuole riferita alle seguenti macro-categorie:

  • disposizioni generali (ex art. 10 e 12, D.Lgs. n. 33/2013);
  • personale (incarichi conferiti o autorizzati) (ex art. 18, D.Lgs. n. 33/2013);
  • provvedimenti (ex art. 23, D.Lgs. n. 33/2013);
  • bilanci (ex art. 29, D.Lgs. n. 33/2013);
  • bandi di gara e contratti (ex art. 37, D.Lgs. n. 33/2013);
  • altri contenuti - registro degli accessi (Linee guida ANAC, determinazione n. 1309/2016);
  • altri contenuti - prevenzione della corruzione (ex art. 10, D.Lgs. n. 33/2013; art. 18, comma 5, D.Lgs. n. 39/2013; Legge n. 190/2012).

Il vademecum richiama infine le seguenti scadenze per gli obblighi delle scuole e i controlli dei revisori,  presenti nella  Delibera ANAC n. 203, del 17 maggio 2023:

  • 30 giugno 2023, termine entro cui i Dirigenti scolastici dovranno adempiere agli obblighi di pubblicazione previsti dalla normativa in materia anticorruzione e trasparenza;
  • 31 luglio 2023, termine ultimo per la predisposizione, da parte dei Revisori dei conti, della attestazione sull’assolvimento degli obblighi di pubblicazione da pubblicare entro la medesima data nella sezione «Amministrazione trasparente», del sito web dell’Istituzione scolastica, e per l’invio ad ANAC delle schede di rilevazione;
  • 30 novembre 2023, termine entro cui i Revisori dei conti, in caso di richieste di adeguamento inviate alle istituzioni scolastiche rispetto ad eventuali criticità rilevate sui dati pubblicati entro il 30 giugno, dovranno effettuare il controllo dell’avvenuto adeguamento e inserire nell’applicativo web fornito dall’Autorità l’apposita scheda di monitoraggio;
  • 10 dicembre 2023, termine ultimo entro cui dovrà essere pubblicata, nella sezione «Amministrazione trasparente» del sito web dell’Istituzione scolastica, la suddetta scheda di monitoraggio al 30 novembre convalidata e acquisita dall’ANAC.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI