Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Docenti » Scuola, concorsi ordinari docenti 2024: il rapporto tra candidati e posti [TABELLE]

Scuola, concorsi ordinari docenti 2024: il rapporto tra candidati e posti [TABELLE]

Forti disomogeneità tra insegnamenti e territoriali. Nel sostegno in alcune regioni più posti che candidati. Occorre rilanciare il ruolo sociale dei docenti, pianificare la formazione iniziale, confermare le assunzioni da GPS I fascia

12/02/2024
Decrease text size Increase  text size

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha fornito i dati sulle istanze di partecipazione ai concorsi PNRR.
La richiesta era stata avanzata dalla FLC CGIL nel corso dell’incontro di martedì 6 febbraio.

Il rapporto tra posti “a bando” e candidati risulta disomogeneo sia per quanto riguarda gli insegnamenti che a livello territoriale.

LE NOSTRE ELABORAZIONI

INFANZIA e PRIMARIA
I GRADO - II GRADO
ITP - SOSTEGNO

Le maggiori criticità si registrano nelle materie con una forte connotazione tecnica e sul sostegno, settori in cui, in alcuni territori i candidati sono in numero minore rispetto ai posti disponibili.

Sono dati che confermano la poca attrattiva dell’insegnamento, determinata dalle basse retribuzioni, dalla complessità della professione e dallo scarso riconoscimento sociale, soprattutto nelle discipline e nei territori in cui il mercato del lavoro offre prospettive occupazionali alternative.

Il dato sul sostegno conferma l’urgenza di prorogare anche al prossimo anno le assunzioni da GPS 1 fascia, a cui potranno accedere, contrariamente alle procedure concorsuali, gli specializzandi dell’VIII ciclo TFA, sciogliendo la riserva al momento del conseguimento del titolo.
Allo scopo, abbiamo proposto uno specifico emendamento al decreto milleproroghe.
Tale situazione, come ripetutamente denunciato dal nostro sindacato, mette in luce l’inadeguatezza delle politiche sul reclutamento e l’esigenza di una seria programmazione dell’offerta formativa dei percorsi di specializzazione legata al fabbisogno regionale.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI