Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » Personale scolastico all’estero: rafforzata la tutela della salute dei lavoratori all’estero

Personale scolastico all’estero: rafforzata la tutela della salute dei lavoratori all’estero

MAECI autorizzato a stipulare polizze assicurative: a breve i dettagli operativi.

04/08/2021
Decrease text size Increase  text size

L’art.75 bis del DL Sostegni bis, convertito il L. 106/2021  ha introdotto delle “Misure urgenti per la sicurezza degli uffici e del personale all’estero” che si applicano anche al personale scolastico con mandato nelle Scuole, corsi, lettorati italiani all’etero.

In favore del personale con sede di servizio in Stati o territori dove non è erogata l’assistenza sanitaria in forma diretta, la norma autorizza il MAECI a stipulare una o più polizze assicurative per prestazioni sanitarie in caso di malattia, infortunio, maternità e, in caso di carenza in loco di strutture sanitarie adeguate.

La polizza prevede la copertura assicurativa anche per i familiari a carico, purché effettivamente conviventi nella stessa sede del dipendente.

Nel quadro di un'azione di tutela della salute del personale in servizio all’estero, come da sempre rivendicato dal nostro sindacato, anche sotto il profilo assicurativo, il legislatore ha disposto tre significative innovazioni:

  1. per la polizza sanitaria, il passaggio da un sistema di adesione facoltativa a un sistema di stipula collettiva e automatica, con sottoscrizione e pagamento integralmente a carico del MAECI;
  2. l'introduzione della polizza assicurativa per urgenze sanitarie del personale in caso di missioni brevi nei Paesi ove non sussista l'assistenza diretta;
  3. per la polizza vita/infortuni, l'innalzamento degli indennizzi e l'estensione delle coperture assicurative.

L’ufficio V del MAECI sta definendo i dettagli operativi per l’applicazione della norma di legge anche al personale scolastico con mandato all’estero.

Naturalmente accogliamo favorevolmente questa attenzione al personale italiano in servizio in missione all’estero: riteniamo che si debba intervenire con la stessa energia anche per favorire la vaccinazione del personale scolastico e per fornire ogni forma di assistenza e tutela contrattuale soprattutto a chi sta prestando servizio in sedi disagiate e particolarmente disagiate.