Elezioni CSPI, si vota il 7 maggio 2024

Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » Personale scolastico all’estero: ammesso alla Corte dei Conti il contingente 2022/2023

Personale scolastico all’estero: ammesso alla Corte dei Conti il contingente 2022/2023

L’approvazione del contingente permetterà la procedura di individuazioni del personale da inviare all’estero. Ma per l’1 settembre l’Amministrazione è già in ritardo: prevedibili disagi per l’avvio anno scolastico.

24/06/2022
Decrease text size Increase  text size

La Corte dei Conti, in data 22 giugno 2022, ha ammesso a registrazione il Decreto Contingente 2022/2023.

Il contingente di 674 unità di personale scolastico, di cui all’articolo 18, comma 1, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64, è così determinato:

  • Dirigenti scolastici 46
  • Docenti scuola dell’infanzia 4
  • Docenti scuola primaria 218
  • Docenti scuola primaria di sostegno 10
  • Docenti scuola primaria cattedre miste 2
  • Docenti scuola secondaria di I grado 95
  • Docenti scuola secondaria di I grado di sostegno 6
  • Docenti scuola secondaria di I grado cattedre miste 3
  • Docenti scuola secondaria di II grado 131
  • Docenti scuola secondaria di II grado di sostegno 5
  • Docenti scuola secondaria di II grado cattedre miste 2
  • Docenti scuola secondaria di I e II grado - lettori 87
  • Docenti scuola secondaria di I e II grado - lettori con incarichi extra accademici 45
  • Direttori dei servizi generali ed amministrativi 10
  • Assistenti amministrativi 10

Per le Scuole Europee il contingente è di 124 unità, così suddivise:

  • Dirigenti scolastici 1
  • Docenti scuola dell’infanzia 7
  • Docenti scuola primaria 45
  • Docenti scuola secondaria di I grado 16
  • Docenti scuola secondaria di II grado 55

Si sottolinea l’importanza di accelerare le operazioni di visto del contingente così da poter procedere speditamente all’individuazione del personale da inviare all’estero a far data dal 1° settembre 2022: la tempistica dei concorsi in fase di svolgimento e delle individuazioni fa presagire fin da ora forti ritardi e quindi gravi disagi per l’avvio dell’anno scolastico.