Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Università » AFAM » Contratto Istruzione e Ricerca: settimo incontro sul settore dell’Alta Formazione Artistica e Musicale

Contratto Istruzione e Ricerca: settimo incontro sul settore dell’Alta Formazione Artistica e Musicale

Gli 8,5 milioni di euro stanziati dalla legge di bilancio 2022 incrementeranno la RPD, la CIA e l’indennità di amministrazione.

24/05/2023
Decrease text size Increase  text size

Il 23 maggio 2023 si è svolto presso l’ARAN il settimo di incontro sul settore AFAM nell’ambito del rinnovo del CCNL “Istruzione e Ricerca” 2019-2021.

Segui gli aggiornamenti della trattativa

Durante la riunione si è innanzitutto discusso dell’utilizzo delle risorse aggiuntive, pari a 8,5 milioni di euro stanziati dalla legge di bilancio 2022, che il decreto legge sulla pubblica amministrazione ha riportato nella piena disponibilità del CCNL 2019-2021.

L’ARAN ha proposto di attribuire tali risorse a tutto il personale incrementando la Retribuzione Professionale Docente (RPD), il Compenso Individuale Accessorio (CIA) del personale Tecnico-Amministrativo, l’indennità di amministrazione parte fissa per il personale EP. Non ha accolto la proposta istituire una specifica indennità di alta formazione da attribuire ai lavoratori delle istituzioni afam anche in considerazione dei profondi cambiamenti ordinamentali in corso in questo settore. L’ARAN ha giustificato la sua contrarietà riferendosi all’esiguità delle risorse e alla necessità di evitare complicazioni nella lettura del cedolino stipendiale.

Di seguito la proposta ARAN

L’incremento medio è pari a € 50 per 13 mensilità.

L’incremento medio della RPD è pari a € 59,52 per 13 mensilità così ripartito

  • € 50,06 per la fascia 0-14 anni
  • € 61,59 per la fascia 15-27 anni
  • € 76,25 per la fascia da 28 anni

L’incremento medio della CIA è pari a € 92.94 per 13 mensilità così ripartito

  • € 31,82 per i coadiutori
  • € 34,05 per assistenti e collaboratori.

L’incremento annuo dell’indennità di amministrazione parte fissa del personale EP sarebbe di € 730,29.

Ricordiamo che

  • la decorrenza degli incrementi è il 1° gennaio 2022
  • gli incrementi sopra descritti devono essere divisi per 12 mensilità.

Riguardo alle relazioni sindacali abbiamo ribadito le seguenti richieste

  • mantenimento del diritto alla mobilità nazionale gestita dal MUR
  • precisa definizione di chi ha il potere di firma dei contratti integrativi di istituto
  • contrattazione integrativa a livello nazionale della definizione dell’indennità di posizione delle elevate qualificazioni
  • regolazione a livello di contrattazione integrativa nazionale dei contratti non subordinati

Riguardo all’istituzione della figura del ricercatore abbiamo chiesto una precisa definizione dei compiti evitando la creazione di un profilo di docente sottoinquadrato.

Riguardo alle progressioni fra le aree del personale TA abbiamo chiesto il riconoscimento integrale ai fini della carriera del servizio prestato nella qualifica di provenienza.

Riguardo al conferimento degli incarichi al personale delle elevate qualificazioni si sta discutendo di inserire una nota congiunta che chiarisca che le modalità sono quelle definite dal DPR 132/03 (delibera del CdA su proposta del Direttore).

Riguardo alle nuove figure abbiamo chiesto che esse vengano inquadrate in una specifica area di supporto diretto alla didattica (accompagnatori al pianoforte, i tecnici di laboratorio, gli assistenti tecnici, modelli viventi). Sarà comunque materia della contrattazione integrativa nazionale l’individuazione delle specifiche professionali e dei requisiti di base per l’accesso alle varie figure previste.

Ulteriori richieste che dovranno essere successivamente approfondite riguardano la regolamentazione della didattica a distanza e l’individuazione di un orario figurativo per i docenti per la rendicontazione dei progetti di ricerca.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI