Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Università » Lettori, Collaboratori ed Esperti Linguistici » Vertenza dei Lettori di madrelingua: nuova lettera della FLC CGIL alla Commissione europea

Vertenza dei Lettori di madrelingua: nuova lettera della FLC CGIL alla Commissione europea

La vertenza europea dei Lettori universitari è strettamente collegata a quella dei Collaboratori ed Esperti linguistici (CEL) e al rinnovo del CCNL.

06/07/2023
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo in allegato la lettera (in versione italiana ed inglese), inviata dal Segretario generale della FLC Gianna Fracassi in data 27 giugno 2023 al Commissario europeo Nicolas Schmit per denunciare il tentativo del Ministero tramite il Decreto interministeriale 688 del 26 giugno 2023 di bloccare la ricostruzione di carriera dei Lettori agli anni precedenti al 1995. In questo modo, invece di chiudere i contenziosi pregressi si avrà una proliferazione di nuovi ricorsi legali. Perciò si chiede nuovamente alla Commissione europea di deferire l'Italia alla Corte di Giustizia dell'Unione europea per la mancata attuazione della Sentenza della CGUE nella Causa C-119/04.

La vertenza dei Lettori è strettamente collegata anche alla questione dei Collaboratori ed Esperti linguistici (CEL) e al rinnovo del CCNL, dal momento che Lettori e CEL svolgono lo stesso lavoro, come riconosciuto dai rappresentanti CRUI, CODAU, MUR e ARAN in Commissione paritetica (art. 44 CCNL 2018) e dall’Atto di indirizzo quadro per il rinnovo del CCNL inviato dal Ministro nel luglio del 2019 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dove, tra l’altro, veniva definito l’obiettivo di “Prevedere una disciplina organica confluente in una unica figura professionale per collaboratori, esperti linguistici e lettori ovvero del personale assunto ex art.4 legge 326/95, e personale assunto ex art.28 DPR 382/80 tenuto conto che tali unità di personale concorrono, affiancando i docenti titolari del relativo insegnamento, alla didattica delle lingue straniere e all’acquisizione, da parte dei discenti, delle relative certificazioni, e che tali attività vengono svolte in autonomia previa predisposizione dei necessari programmi didattico formativi. In questa direzione dovrà valutarsi il corrispondente trattamento economico di tali figure.”

Trovare una soluzione unitaria per Lettori e CEL con il rinnovo del CCNL (figura giuridica dell’insegnante universitario di madrelingua e trattamento economico uniforme  a livello nazionale secondo il parametro del ricercatore confermato a tempo definito o condizioni di miglior favore come indicato dalle Leggi 67/2004 e 167/2017) rappresenta un impegno prioritario per la FLC CGIL.