Sciopero 8 marzo 2024

Home » Attualità » Piano nazionale di ripresa e resilienza » PNRR: pubblicati i decreti di riparto delle risorse su STEM, sulla formazione linguistica e formazione sulla transizione digitale

PNRR: pubblicati i decreti di riparto delle risorse su STEM, sulla formazione linguistica e formazione sulla transizione digitale

600 milioni dedicati agli studenti per l’orientamento alle discipline STEM, 450 milioni per la formazione del personale al digitale, 150 milioni per la formazione linguistica. Altri 150 milioni per ampliare le attività del programma Erasmus+.

17/05/2023
Decrease text size Increase  text size

Come preannunciato in precedenza (vedi correlati) il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato tre decreti con i quali ripartisce 1,35 miliardi di euro del Piano nazionale di Ripresa e resilienza.

Decreto Ministeriale 65 del 12 aprile 2023

Con il Decreto Ministeriale 65/23 è ripartita quota parte delle risorse relative alla linea di investimento 3.1Nuove competenze e nuovi linguaggi”.

In particolare

  1. 600 milioni di euro sono destinati alla realizzazione di percorsi didattici, formativi e di orientamento per alunni e studenti finalizzati a
  • promuovere l’integrazione, all’interno dei curricula di tutti i cicli scolastici, di attività, metodologie e contenuti volti a sviluppare le competenze STEM, digitali e di innovazione, nonché quelle linguistiche,
  • garantire pari opportunità e parità di genere in termini di approccio metodologico e di attività di orientamento STEM.

Le risorse sono ripartite fra tutte le istituzioni scolastiche statali, della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano in proporzione al numero degli studenti iscritti

  1. 150 milioni di euro per la realizzazione di percorsi formativi di lingua e di metodologia di durata annuale, finalizzati al potenziamento delle competenze linguistiche dei docenti in servizio e al miglioramento delle loro competenze metodologiche di insegnamento.

Le risorse sono ripartite fra tutte le istituzioni scolastiche statali, della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano, in proporzione al numero dei docenti dell’organico presso ciascuna scuola

Allegata al decreto vi è la ripartizione delle risorse per ciascun istituto.

L’Unità di missione (UdM) per il PNRR presso il Ministero dell’istruzione provvederà

  • all’adozione dei successivi atti per la stipula degli accordi di concessione del finanziamento con i soggetti attuatori
  • alla definizione di indicazioni per la progettazione, la gestione, la rendicontazione sulla base delle opzioni semplificate dei costi e il monitoraggio degli interventi, in coerenza con i target, le milestone e le condizionalità delle linee di investimento del PNRR.

Lo svolgimento dei controlli formali di regolarità amministrativa e contabile sui finanziamenti del PNRR è svolto dai revisori dei conti delle istituzioni scolastiche tramite apposita piattaforma digitale.

L’UdM provvede a porre in essere tutti gli atti connessi alla procedura di individuazione e ammissione a finanziamento delle scuole paritarie non commerciali, nei limiti delle risorse disponibili, tramite apposito avviso pubblico.

Decreto Ministeriale 66 del 12 aprile 2023

Con il Decreto Ministeriale 66/23 sono ripartite le risorse relative alla linea di investimento 2.1 “Didattica digitale integrata e formazione alla transizione digitale per il personale scolastico”.

In particolare è ripartito l’importo pari 450 milioni di euro a favore di tutte le istituzioni scolastiche statali quali nodi formativi locali del sistema di formazione continua per la transizione digitale, finalizzato alla realizzazione di percorsi formativi per il personale scolastico (dirigenti scolastici, direttori dei servizi generali e amministrativi, personale ATA, docenti, personale educativo) sulla transizione digitale nella didattica e nell’organizzazione scolastica, in coerenza con i quadri di riferimento europei per le competenze digitali DigComp 2.2 e DigCompEdu,

Sono assegnati finanziamenti a tutte le istituzioni scolastiche statali, della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano, in proporzione all’organico di personale di ciascuna scuola.

Allegata al decreto vi è la ripartizione delle risorse per ciascun istituto.

Il decreto demanda all’Unità di missione del Ministero

  • l’adozione dei successivi atti per la stipula degli accordi di concessione del finanziamento con i soggetti attuatori
  • la definizione di indicazioni per la progettazione, la gestione, la rendicontazione sulla base delle opzioni di costo semplificate e il monitoraggio degli interventi
  • eventuali e ulteriori atti connessi all’attuazione della linea di investimento, in particolare in relazione alla predisposizione di un modello per la certificazione e il riconoscimento delle competenze

Lo svolgimento dei controlli formali di regolarità amministrativa e contabile sui finanziamenti del PNRR è svolto dai revisori dei conti delle istituzioni scolastiche tramite apposita piattaforma digitale.

Decreto Ministeriale 61 del 3 aprile 2023

Con il Decreto Ministeriale 61/23 è ripartita una ulteriore quota delle risorse dell’Investimento 3.1Nuove competenze e nuovi linguaggi” finalizzate ad incentivare scambi ed esperienze formative all’estero per studenti e per il personale scolastico attraverso un potenziamento del programma Erasmus+ 2021- 2027

In particolare, fino a un massimo di 150 milioni per gli anni 2023, 2024 e 2025, è destinata a

  • rafforzare e potenziare le competenze multilinguistiche di studenti e personale scolastico
  • incentivare scambi ed esperienze formative all’estero per studenti e per il personale scolastico e i progetti di mobilità non finanziati dalle risorse ordinarie del programma Erasmus+ 2021-2027,

attraverso un ampliamento dello stesso programma, anche con il supporto dell’Agenzia nazionale Erasmus – Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa (INDIRE).