Sciopero 8 marzo 2024

Home » Attualità » Politica e società » XXII Marcia di Barbiana 27 maggio 2023, centenario della nascita di don Lorenzo Milani

XXII Marcia di Barbiana 27 maggio 2023, centenario della nascita di don Lorenzo Milani

La FLC CGIL aderisce alla marcia di Barbiana, nel ricordo del priore, per una scuola di tutti e per tutti, la scuola della costituzione.

16/05/2023
Decrease text size Increase  text size

La FLC e la CGIL aderiscono alla consueta marcia di Barbiana prevista per il 27 maggio 2023, che quest'anno avrà un significato particolare, infatti celebrerà i 100 anni della nascita di Don Lorenzo Milani. L'evento, organizzato dalle tre associazioni che costituiscono il comitato per il Centenario, in questa fase, ha un valore particolare, consente di discutere, approfondire e praticare una precisa idea di scuola e le finalità che essa deve perseguire. Una scuola che deve fornire ai propri studenti quegli strumenti che possano permettergli di essere una cittadina e un cittadino consapevoli, partecipi, che rimuova le disuguaglianze e che possa essere un "ascensore" sociale, in grado davvero di realizzare quanto previsto dall'articolo 3 della Costituzione. Una figura complessa quella di Don Milani che si preoccupava innanzitutto degli ultimi, con la convinzione che dalle difficoltà se ne esca soltanto insieme. Il problema dell'insuccesso scolastico e dell'abbandono oggi rende l'Italia uno dei Paesi europei con il più alto livello di dispersione e con il più basso numero di laureati. Anche per questo come FLC CGIL siamo per l'estensione dell'obbligo scolastico dai 3 ai 18 anni, l'estensione del tempo scuola, asili nido gratuiti, cancellazione delle tasse universitarie e del numero chiuso. Una convergenza di culture diverse sul senso della scuola e sulla sua missione costituzionale che permise in quegli anni di avviare grandi processi di riforma; confronti come quello avvenuto tra Don Milani e Mario Lodi hanno indubbiamente contribuito al cambiamento

Marcia Barbiana 2023

"Vi si respira e misura la rivolta, l'aspirazione inarrestabile alla cultura, la volontà di cultura a tutti costi in cui si muta una profonda presa di coscienza dei propri diritti." Scrive Rodari di "Lettera ad una professoressa", mentre Pasolini affermava "È un libro che riguarda la scuola, nello specifico, ma nella realtà riguarda la società italiana, l'attualità della vita italiana.”

Cosa ha accomunato quindi culture così diverse? Educare a combattere l'indifferenza, a vivere la propria condizione di cittadino del mondo: una lezione ancora attualissima che attraverso la partecipazione alla XXIII marcia di Barbiana vogliamo continuare a promuovere nell'identità delle future generazioni.

Anche per tutto questo invitiamo a partecipare alla marcia presso Vicchio del Mugello.

Scarica il programma