Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Personale ATA » Contratti ATA per PNRR e Agenda Sud: incontro al Ministero

Contratti ATA per PNRR e Agenda Sud: incontro al Ministero

Rappresentate dalla FLC CGIL le numerose problematiche di gestione denunciate dalle scuole e la mancanza di supporto da parte dell’amministrazione. Il ministero finalmente prende atto delle innumerevoli criticità e annuncia un imminente intervento normativo per stanziare ulteriori risorse e spostare su NPOIPA il pagamento degli stipendi degli assistenti. Il 25 gennaio incontro sul codice degli appalti

18/01/2024
Decrease text size Increase  text size

Si è svolto giovedì 18 gennaio 2024 l’incontro delle organizzazioni sindacali rappresentative del comparto e dell’area “Istruzione e Ricerca” con l’amministrazione sulle problematiche emerse nella gestione degli incarichi temporanei di personale amministrativo, tecnico e ausiliario (organico PNRR e organico Agenda Sud) sui quali lo scorso 9 gennaio 2024 il MIM aveva fornito le prime indicazioni operative.

Erano presenti all’incontro il Capo dell’Ufficio di Gabinetto del Ministro dott. Giuseppe Recinto, i Capi Dipartimenti dott.ssa Carmela Palumbo e dott. Jacopo Greco, e la Dott.ssa Simona Montesarchio DG unità di Missione PNRR.

Nel nostro intervento, come già rappresentato al capo di Gabinetto, dott. Recinto, nel corso dell’incontro sul dimensionamento scolastico, abbiamo evidenziato che molte delle questioni sollevate dalle scuole, soprattutto in merito ai contratti temporanei per le figure degli assistenti amministrativi e tecnici posti a carico dei fondi PNRR, non hanno avuto risposta nelle indicazioni operative fornite dal ministero nel webinar del 9 gennaio scorso, generando nelle scuole grande incertezza sull’effettiva disponibilità dei fondi necessari per la proroga.

Abbiamo perciò sollecitato il ministero ad integrare i fondi per consentire alle scuole di prorogare fino al termine delle attività didattiche (30 giugno) sia i contratti temporanei dei collaboratori scolastici che quelli degli assistenti amministrativi e tecnici, anche per evitare comportamenti disomogenei tra le scuole e disparità di trattamento fra le figure.

Abbiamo inoltre chiesto ulteriori fondi FMOF per poter dare continuità alle attività di supporto al PNRR prestate dal personale ATA e ribadito la necessità di spostare sulla piattaforma di Noipa il pagamento degli stipendi a carico del PNRR.

Abbiamo infine sollecitato l’amministrazione a dare nell’immediato una risposta urgente ad una serie di criticità che stanno vanificando il senso stesso di procedure individuate a supporto del PNRR. In particolare abbiamo evidenziato:

  • impossibilità di stipulare contratti con altri supplenti in caso di rinuncia alla proroga da parte di chi ha lavorato fino al 31 dicembre scorso
  • impossibilità di inserire più contratti in caso di completamento dell’orario settimanale
  • insufficienza di fondi per sostituire il titolare in caso di assenza
  • necessità di autorizzazione ad impegnare le somme del PNRR assegnate alle scuole ma non ancora presenti nel Programma Annuale 2024.

Nella sua replica il dott. Recinto, consapevole delle criticità derivanti dall’esiguità delle risorse stanziate per le proroghe, ha reso noto l’impegno del ministero a predisporre entro la fine del mese di gennaio un intervento normativo che assicuri la possibilità di pagare gli stipendi a carico dei fondi PNRR attraverso lo spostamento sulla piattaforma NOIPA e incrementi le risorse per il pagamento delle sostituzioni dei collaboratori scolastici in caso di assenza e per lo spostamento al 30 giugno il termine dei contratti temporanei. Ha inoltre riconosciuto la necessità di superare le rigidità denunciate dalla FLC CGIL con ulteriori interventi normativi di modifica e di potenziare l’help desk amministrativo. 

Finalmente il Ministero prende atto che sono necessari interventi aggiuntivi per risolvere le notevoli criticità da noi denunciate sin dal primo momento relative alla insufficienza delle risorse, alla discriminazione tra i diversi profili e all’assurda pretesa di caricare sulle segreterie il l’elaborazione degli stipendi.

Il confronto prosegue giovedì prossimo su codice appalti. A seguire verrà fissato un confronto su passweb.