Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Concorso a cattedre: batterie dei test, siamo alla farsa

Concorso a cattedre: batterie dei test, siamo alla farsa

Ormai su molti siti, gratis o a pagamento sono presenti le batteria e le relative risposte senza alcuna certezza di affidabilità. La FLC CGIL pronta a diffidare il MIUR.

06/12/2012
Decrease text size Increase  text size

La scelta del Ministero di non fornire le risposte alle batterie dei test delle prove preselettive per l'accesso al concorso a cattedre nasce da un principio già di per sé alquanto originale per un Ministero: sostituire la preparazione basata sul proprio metodo di studio con una esercitazione "alla cieca", per la quale la conoscenza delle risposte è considerata "dannosa" ai fini della preparazione stessa.

Se a questa discutibile decisione si aggiunge che è improbabile immaginare che un esperto informatico (o perfino un paziente navigatore) non sia in grado di appropriarsi di un software o della base di dati utilizzata, la decisione del ministero di non pubblicare le risposte ai test sembra quanto meno improvvida.

Il business che ne è nato ad opera di alcuni gestori di siti Internet non è stato stroncato neanche dalla parziale rettifica del Ministero al simulatore, dopo le nostre proteste.

Poiché il giro di affari che ne è nato è a 6 zeri, è necessario che il Ministero lo blocchi, pubblicando le batterie dei test con le risposte esatte per tutte le domande. Se così non fosse, siamo pronti a diffidare il Ministero dell'Istruzione.

Soltanto in questo modo si stroncheranno le illazioni più o meno giustificate su chi sia il "regista" di questa ennesima commedia che vede come vittima, ancora una volta, l'aspirazione alla stabilizzazione dei precari della scuola.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI