Sciopero 8 marzo 2024

Home » Scuola » Stipendi scuola: i compensi una tantum previsti dal Governo con la busta paga di luglio

Stipendi scuola: i compensi una tantum previsti dal Governo con la busta paga di luglio

35 euro mensili non tutelano i salari dall’inflazione. Il Governo stanzi subito i soldi per rinnovare il CCNL 2022-2024.

06/07/2023
Decrease text size Increase  text size

L’ultima legge di bilancio (L.197/2022) ha stanziato un miliardo di euro per riconoscere nel 2023 a tutto il personale statale un emolumento accessorio una tantum da corrispondere per 13 mensilità pari all’1,5% dello stipendio.

Tale emolumento, come ha recentemente comunicato NOIPA, sarà attribuito con il cedolino del mese di luglio - insieme agli arretrati relativi al periodo da gennaio a giugno  - e fino a dicembre 2023.

Per i lavoratori della scuola statale si tratta di un compenso medio di circa 35 euro mensili per 13 mensilità pari a circa 450 euro annuali che varia dai 20,53 euro mensili per un collaboratore scolastico al primo gradone di anzianità fino ai 44,38 euro mensili per un docente delle scuole superiori all’ultimo gradone di anzianità.

Secondo il Governo questo emolumento una tantum dovrebbe sopperire al mancato finanziamento per il rinnovo contrattuale relativo al triennio 2022-2024, senonché questo compenso riguarda solo il 2023 ed è del tutto insufficiente a recuperare la perdita del potere d’acquisto dei salari rispetto all’inflazione dello stesso anno oltre che del triennio.

Infatti, rispetto al 2023 l’Istat ha previsto un’inflazione (Ipca) pari al 6,6%, con la conseguenza che a fronte di un aumento disposto dal Governo per il medesimo anno di appena l’1,5% i lavoratori subiranno una perdita secca del 5,1% che, in termini economici, è di ben 1.500 euro annui.

Nel triennio la perdita sarà ben maggiore poiché all’inflazione del 2023 va sommata quella del 2022 - già certificata dall’Istat al 6,6% - e quella del 2024 - che secondo le previsioni Istat sarà del 2,9% - per un’inflazione complessiva nel triennio del 16,1%.

Poichè in legge di bilancio non è stata stanziata alcuna risorsa per il rinnovo contrattuale relativo al triennio 2022-2024, e a fronte del misero una tantum dell’1,5% disposto dal Governo, si profila per i lavoratori della scuola una riduzione secca del valore degli stipendi del 14,6% che in termini economici significa una perdita di ben 4.500 euro.

A poco serviranno gli altri interventi messi in campo come il riconoscimento dell’indennità di vacanza contrattuale (che è pari solamente allo 0,5% dello stipendio) o la riduzione temporanea del cuneo fiscale (che è di 6 o 7 punti della quota dei contributi previdenziali per i salari fino a 35.000 euro che si applica solo da luglio fino a dicembre 2023).

Come FLC CGIL riteniamo importanti tutte le misure che tutelano strutturalmente il potere d’acquisto degli stipendi, ma il principale strumento di politica salariale è il rinnovo dei contratti di lavoro a partire da quelli del lavoro pubblico la cui responsabilità primaria è del Governo che deve disporre i necessari stanziamenti in legge di bilancio. Non stanziare le risorse per i rinnovi contrattuali e limitarsi a miseri una tantum significa voler colpire e impoverire il personale della scuola e di tutti i settori pubblici peggiorando la qualità dei servizi e di quelle funzioni essenziali per il benessere dei cittadini.

La FLC CGIL, insieme alla confederazione, metterà in campo tutte le iniziative di mobilitazione per tutelare i lavoratori della conoscenza e la qualità del sistema d’istruzione.